Mates, images and Stories from the Kimberley-Imagined Australia

Kevin Shaw, Angubirra

/ Sede: Dryphoto arte contemporanea e Monash University Centre, Prato
/ Date: 23 maggio – 30 giugno 2007
/ In collaborazione con A.I.L.A.E. ACCADEMIE ITINERANTE DES ECHANGES LANGUES ET ARTS EUROPEENNES e Italia Nostra onlus

Kewin Shaw è un antropologo australiano che usa la fotografia per parlare della vita che lo circonda. Una esistenza avventurosa che lo porta dal lavoro, alla età di 17 anni in una fabbrica di armi e munizioni militari, alla laurea in antropologia, fino ad essere coinvolto nel 1993 in un ente governativo per l’amministrazione dell’Aboriginal Heritage Act 1972 of Western Australia e in seguito dal 1996 al 2002 unico amministratore. Una attività a tutela della cultura indigena svolta fianco a fianco degli indigeni dove essi diventano i suoi compagni, Mates appunto. La mostra comprende fotografie, video e suoni. Durante il suo lavoro decennale a contatto con gli indigeni e con le terre più remote dell’Australia matura insieme all’impegno politico di salvaguardia della cultura indigena anche una coscienza ambientalista. Kewin Shaw elabora un pensiero che lo porta a considerare l’arte e la fotografia non solo strumento estetico per raccontare il mondo ma un mezzo per denunciare la politica della distruzione culturale e ambientale a opera del governo australiano e delle multinazionali. Del suo lavoro l’autore dice: “Sono immagini che celebrano la vita. Spero che ispirino e motivino la gente a mettere l’ecologia sostenibile davanti al desiderio di una ricchezza immediata ottenuto dall’ipoteca del pianeta e invogli alla costruzione di un mondo pacifico dove la gente sia predisposta ad amare ed essere creativa in tutte le cose che santificano la vita.”

 

Kewin Shaw, Dickieand Paul Kewin Shaw, Ngarra Kewin Shaw, Yaydjbarriya Kevin Shaw, Gurnjarn Kevin Shaw, Angubirra Kewin Shaw, Ngarra